Medicine Complementari

Cosa sono le Medicine Complementari

Le Medicine Complementari sono definite e conosciute sotto differenti denominazioni, come Medicine Integrative o Medicine Non Convenzionali. Al loro interno racchiudono svariate discipline mediche, tutte unite da un approccio naturale che si basa sullo stimolo minimo necessario ad innescare il processo di guarigione e da una visione d’insieme (Olistica) dei pazienti e delle patologie.

Le Medicine Integrative inglobano diversi campi: Nutrizione e Dietetica, Medicina Comportamentale, Omeopatia ed Omotossicologia, Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese, Fisioterapia, tecniche manuali e riabilitazione, Osteopatia, Medicina Ayurvedica, Tuinà, Fitoterapia e Floriterpia.

Tutte queste discipline sono regolamentate e riconosciute dalla FNOVI (Federazione Nazionale Ordine Veterinari Italiani), la quale prevede che lo specialista in ognuno di questi campi sia innanzitutto un medico, che eserciti da almeno 3 anni la professione e che abbia conseguito una formazione specifica, specialistica, documentata e certificata della durata di almeno 3 anni. Questi requisiti sono fondamentali, perché consentono di distinguere i veri professionisti.
Lo specialista in Medicine Non Convenzionali è quindi un medico di base che riconosce ed usa perfettamente la medicina occidentale e che, oltre a questa, conosce una delle suddette branche specialistiche, che utilizza per integrare e migliorare la sua diagnosi e le sue terapie, con l’obiettivo primario di migliorare lo stato di salute degli animali, riportandoli ad uno stato di completo benessere psico-fisico.

Tutte le discipline facenti parte delle Medicine Integrative hanno in comune la visione olistica del paziente, ossia il guardarlo nel suo complesso, evitando lo studio a compartimenti che, per quanto utile in fasi acute e sintomatiche, risulta purtroppo invalidante nelle terapie di lunga durata, nei soggetti cronici e, in generale, quando si desidera andare oltre la semplice insorgenza del sintomo.

Guardare nell’interezza significa oltremodo valutare l’ambiente dell’animale, l’alimentazione e, alcune volte, anche l’interazione con i componenti della famiglia.

Le Medicine Complementari collaborano con la Medicina Tradizionale

È importante sottolineare come l’utilizzo di una disciplina, come per esempio l’Agopuntura, non escluda l’utilizzo contemporaneo, precedente o successivo di terapie allopatiche. L‘importante è il raggiungimento dello stato di salute, attraverso il perseguimento di una strada più adeguata a quel soggetto in quello specifico contesto e in quel particolare momento. Tutto ciò, tenendo bene a mente che non esiste una terapia standard e che, anzi, ogni terapia deve essere un vestito perfettamente cucito sull’individuo, quindi unica e ragionata.

Il Centro Veterinario di Referenza di Palermo si propone di offrire non solo diversi servizi nell’ambito delle Medicine Non Convenzionali, ma anche la competenza di svariati professionisti, avendo come caposaldo l’idea che non solo la terapia ma anche il professionista debbano essere adattati al singolo caso, lasciando al binomio uomo-animale la possibilità di scegliere il medico certificato che più ritiene idoneo al suo caso.

Per questo, all’interno della struttura, troverete diversi specialisti per una singola disciplina. Tutti preparatissimi ma con piccole differenze fra di loro, tratti distintivi che vi aiuteranno a scegliere quello che più si adatta a soddisfare le vostre esigenze e quelle dei vostri amici a quattro zampe.